Il baco

rassicurante
parli travestito da gigante
catodica infezione
acceca la mia attenzione
ma non ci sto e strappo questa tela
perchè sei tu il baco nella mela

vorresti accompagnarmi
ma è solo il buio ad illuminarmi

se spacci il cielo dentro me
mi fumo il vuoto che c'è in te
spengo la vertigine
piango seta e svesto il re

mano ad otto dita
senza luce la tua storia è finita
ma io lo so che il riflesso di ogni ombra
può abbagliare solamente chi non sogna

vuoi somministrarmi
il veleno dei tuoi inganni
chiudo gli occhi e sai perchè
riesco a riconoscere
quel che appare e quel che è
resti nudo finto re

se spacci il cielo dentro me
mi fumo il vuoto che c'è in te
spengo la vertigine
piango seta e svesto il re

spacco il cielo che non c'è
la tua ombra è cenere
chiudo la voragine
piango seta e non il re